Radiologia Odontoiatrica

Radiologia OdontoiatricaAnche all’interno dell’odontoriatria si fa uso della tecnica diagnostica della radiologia.

 

Gli esami radiologici possono essere intraorali, quando le pellicole si trovano nella bocca al momento dell’esame, o extraorali, cioè gli OPT oppure la TAC(Tomografia Assiale Computerizzata).

 

Nel caso di esami intraorali, i dentisti all’avanguardia utilizzano dei centratori che, posizionando la pellicola in corrispondenza dei denti interessati, possono fornire immagini più precise e complete.

 

Una tecnica per ridurre nel paziente il fascio di RX da utilizzare è la RVG, cioè RadioVideoGrafia. Con questa tecnologia l’immagine è infatti resa in tempo reale sul computer del dentista.

OPT

 

Gli OPT sono un tipo di esame che costringe il fascio RX a orientarsi perpendicolarmente ai denti, fornendo così immagini accurate e complete di tutta la dentatura.

TAC

 

La TAC cattura immagini e sezaioni dei denti con grande precisione per poi generare dei modelli computerizzati dei denti esaminati.

La TAC è molto utilizzata nel caso siano necessarie delle protesi. Le immagini tridimensionali sono infatti poi sfruttatie per la creazione delle CAD-CAM, modelli su misura posizionati e definiti con grande precisione in base ai risultati dell’esame.

Laser Terapia

Laser TerapiaNell’ortodonzia i migliori studi dentistici all’avanguardia utilizzano sempre di più dispositivi a raggio laser. Il laser viene utilizzato, come già in altri campi medici, sia a scopi diagnostici sia a scopi terapeutici in sempre più campi dell’ortodonzia.

 

I laser maggiormente utilizzati sono di due tipi:

  • a diodi;
  • ad erbio.

 

I due tipi di laser hanno applicazioni diverse, ma entrambi vengono usati qutidianamente dai dentisti, in combinazione con altri strumenti più tradizionali, per diminuire per i pazienti disagio, dolori e per permettere una guarigione più veloce, ma soprattutto delle cure ancora più efficaci.

 


Il laser a diodi viene utlizzato nei seguenti campi:

Endodonzia

 

Il laser riesce ad uccidere i batteri anche in profondità, assicurando al paziente rapida guarigione anche per le peggiori lesioni. Il vantaggio del laser è la completa eliminazione dei microrganismi e del fango dentinale.

 

Parodontologia

 

Elimina i batteri, riduce la formazione di tasche e cura completamente il tessuto gengivale. L’utilizzo del laser permette un intervento del tutto indolore.

 

Chirurgia

 

In molti casi il laser può sostituire la chirurgia tradizionale. Questa sostituzione porta svariati vantaggi: l’assenza di sanguinamento, per lasciare al dentista la migliore visibilità, non sono necessari anestesia né punti di sutura, convalescenza più rapida e minor dolore per il paziente, anche dopo l’intervento.

 


Il laser ad erbio viene utlizzato nei seguenti campi:

Conservativa

 

Con l’ausilio del laser nella rimozione delle carie la successiva ricostruzione del dente sarà ancora più efficace.

 

Chirurgia

 

Spesso nell’ambito della chirurgia il dentista si trova a dover affrontare un particolare tipo di tessuto noto come “tessuto duro”. In questo caso il laser ad erbio gli viene in aiuto, essendo ideale per questo tipo di interventi.

Conservativa

La conservativa è quella branca dell’odontoiatria che cura le carie dentali, include quindi tutte le procedure atte ad eliminare la carie ed a ricostruire poi il dente dove ne è stata asportata la parte infetta.

conservativa

 

La carie è una lesione del dente, causata da acidi ed enzimi batterici che attaccano lo smalto e la dentina. Per curarla si asporta il tessuto colpito, si disinfetta la zona e si ricostruisce infine la parte del dente con gli appostiti materiali.

 

I migliori studi dentistici utilizzano, per la ricostruzione del dente, materiali cosiddetti compositi, cioè a base di resina, oppure l’amalgama d’argento, che sono del tutto simili al dente, così da non lasciare alla vista alcuna traccia dell’intervento.

 

La tecnica della stratificazione ottimizza i risultati della ricostruzione, applicando al dente lacche e gel protettivi si ottiene un risultato naturale e perfettamente mimetizzato all’interno della propria dentatura.

 

Intervenire presto con la conservativa permette di mantenere il dente praticamente integro e di limitare la nascita di altre carie.

Estetica – Sbiancamento

Avere bocca, denti e gengive di bell’aspetto ha sì un valore estetico, ma è anche sintomo di una bocca sana.

 

Purtroppo capita spesso che persone con dentature sgradevoli arrivino addirittura a sorridere meno, andando così a influire sui rapporti interpersonali, perché si sentono a disagio.

estetica e sbiancamentoI migliori studi dentistici risolvono questo problema con le più moderne tecniche di Odontoiatria Estetica. L’odontoiatria estetica varia dal tradizionale sbiancamento dei denti a correzioni della posizione/forma dei denti o della salue delle gengive. Il dentista è infatti versatile nell’adeguarsi alle esigenze del singolo paziente per arrivare al risultato di una bocca gradevole allo sguardo, con la quale il paziente possa sentirsi a suo agio nel sorridere.
Maggior importanza hanno dunque in questo ambito soprattutto i denti anteriori e le loro parti esterne.

La massima prestazione avviene con la moderna tecnologia del laser per lo sbiancamento e della spettrofotometria per la raccolta diinformazioni nel caso di protesi.

Igiene orale

L’igiene orale è una pratica che permette di avere una bocca sana e di prevenire malattie.

igene orale

È una procedura che serve a liberare il paziente di problemi quali il tartaro e la placca che, oltre alle sgradevoli conseguenze estetiche, possono portare a problemi come carie o infezioni di vario genere. Si tratta di formazioni che non si possono togliere con lo spazzolino, per loro natura e posizione all’interno della bocca.

 

Tartaro e placca, se non trattati tempestivamente, possono infiammare le gengive dando il via a una serie di problemi e infiammazioni correlate fino ad arrivare alla perdita dei denti.

 

Sono gli igenisti dentali ad occuparsi della pulizia dei denti, avendo a disposizione dagli strumenti più tradizionali a quelli più moderni, come il laser ad ultrasuoni, per una massima prestazione, compie infatti vibrazioni fino a 20.000 in un minuto.[/one_half_last]

 

È importante occuparsi della propria igiene orale anche a casa, lavandosi frequentemente i denti e utilizzando filo interdentale e collutorio nel modo più corretto. Il dentista fornisce, oltre che il trattamento di igiene orale, tutte le indicazioni per il modo migliore di affronatare l’igiene orale anche a casa propria.

Protesi

Le protesi sono delle imitazioni artificiali dei denti, che vanno a sostituirli quando mancano o sono compromessi da carie, svolgendone le stesse funzionalità.

 

ProtesiPrima di procedere con la realizzazione e l’impianto delle protesi, il dentista studia il caso per arrivare alla soluzione più adatta. Per questa fase ha a disposizione radiografie -effettuate con RX endorali, Panoramiche e TAC-, fotografie e modelli, riproduzioni fedeli realizzate in studio del sistema dentario del paziente. Grazie a questi strumenti il dentista studia la soluzione su misura per il paziente.

 

Le protesi sono suddivise tra protesi mobili, che sono le dentiere, e protesi fisse, che sono le corone e i ponti.

 

Protesi sui denti naturali

 

Si tratta delle corone e dei ponti. Dopo aver preparato i denti limandoli, le protesi vi vengono cementate sopra. Sono costituite da una lega di materiali di eccellente qualità (oro, titanio e zirconio), ottime per rispettare la salute del paziente e rivestite da materiali facilmente lavorabili per ottenere un effetto estetico completamente naturale.

 

Protesi su impianti

 

Le protesi su impianti sono realizzate allo stesso modo delle protesi su denti naturali. Dopo la fase di preparazione degli impianti le protesi vi vengono applicate avvitandole, con la possibilità quindi di rimuoverle quando necessario per controlli di vario genere.

 

I dentisti più all’avanguardia utilizzano le CAD-CAM, che grazie a materiali e tecnologie migliori hanno un risultato qualitativo ed estetico superiore.

Sedazione cosciente

Succede a molti pazienti di avere paura del dentista. Questo fenomeno non va sottovalutato, può essere invece facilmente combattuto grazie alla moderna tecnica della sedazione cosciente.

 

Sedazione CoscienteLa sedazione cosciente è un’innovativa tecnica anestetica che permette al paziente di rimanere cosciente abbastanza da seguire le indicazioni del dentista, ma al contempo di non sentire alcun dolore e di trovarsi in uno stato di piacevole incoscienza sedativa, che gli permette di rilassarsi.

 

Questo grazie a sostanze del tutto naturali come ossigeno e azoto, che sono innoque per l’organismo del paziente.

 

Questa tecnica riesce a portare anche i pazienti con più ansia o panico ad uno stato di tranquillità grazie al quale potranno vivere senza stress o ansia le visite dal dentista, portando anche a una miglior riuscita degli interventi. Inoltre, togliendo sensibilità all’interno della bocca, viene evitato ogni possibile dolore.

 

Si può sfruttare la sedazione cosciente per interventi di implantologia, estrazioni, igiene orale, endodonzia e anche in alcuni casi di chirurgia.

 

È sconsigliata in un ristretto numero di casi: in caso di donne in gravidanza, pazienti soggetti a cure antidepressive, tossicodipendenti o in presenza di infezioni ai polmoni o di malattie mentali.

Gnatologia

Con gnatologia si intende quella branca dell’odontoiatria che si occupa delle funzioni masticatorie, quindi della mandibola e più in generale di tutte le funzioni ad essa correlate, come masticare, inghiottire, parlare.

gnatologiaDal punto di vista terapeutico la gnatologia si occupa della risoluzione dei problemi correlati a occlusioni, quindi a contatti errati tra le due arcate dentarie, quale che sia l’organo originario del problema.

 

Impianti o protesi possono essere stati causa di problemi di questo genere, è la gnatologia che studia e risolve questi casi.

 

La gnatologia si occupa di click o blocchi mandibolari, ma anche di problemi solo apparentemente non collegati, che possono avere sintomi come mal di testa, problemi ai muscoli, dolore a spalle, braccia o faccia fino all’orecchio, cervicali o vertigini.

 

I mezzi teraupitici sono svariati come svariati sono i problemi correlati e le cause, tuttavia si ricorre spesso a placche occlusali, ad esempio di rilassamento, protettive ecc.

 

Massima importanza ha questa disciplina, come facilmente intuibile, per la salute e il benessere del paziente.

Odontoiatria Pediatrica

Odontoiatria Pediatrica

Molto importante è occuparsi della salute dei denti fin da bambini, in modo da ridurre al minimo il rischio di insorgenza, in seguito, di qualsiasi patologia.

 

È tipico dei bambini associare il tradizionale rumore del trapano a sensazioni di paura e dolore. Con le nuove tecnologie come il laser i trattamenti sono molto meno invasivi e meno dolorosi, nel rispetto del paziente fin da piccolo. La sua tranquillità è infatti importante per la migliore riuscita di ogni intervento.

Il dentista oltretutto insegna ai genitori il modo migliore per effettuare la prevenzione per la salute dentale dei propri figli. Questo riguarda la pulizia dei denti, ma anche la corretta alimentazione, con un’assunzione limitata di zuccheri. Il bambino cresce così consapevole di come effettuare una corretta prevenzione.

Seguono le fasi per la corretta prevenzione nel bambino:

Primo anno di età: Pulizia di denti e gengive tramite garza umida.

Fino ai tre anni: I genitori possono iniziare ad utilizzare lo spazzolino sui denti del bambino, senza dentifricio perché a causa della giovane età c’è il rischio di deglutizione accidentale.

 

Fino ai sei anni: Il bambino può lavarsi i denti da solo se i genitori controllano. Il dentifricio non dovrebbe contenere più di 500 ppm di fluoro per prevenire un eventuale sovradosaggio.

 

Dopo i sei anni: Il bambino si lava i denti in autonomia, con qualsiasi dentifricio.

Chirurgia dentale

Con Chirurgia Orale si intende intervenire chirurgicamente all’interno del cavo orale.

La chirurgia orale ha diversi campi di utilizzo, dalle estrazioni, che possono essere

  • dentarie, di denti inclusi o semi-inclusi,
  • di radici o residui radicolari,
  • di cisti o tumori,
  • incisione di ascessi
  • apicectomie, cioè asportare l’apice del dente dove necessario,
  • gengivectomie, cioè asportare una parte di o tutta la geniva,
  • frenulectomie, cioè asportare il frenulo,

alla chirurgia preprotesica come

  • ricostruzione ossea o
  • innesti ossei,
  • come in partciolare il rialzo del seno mascellare

 

Anche l’Impiantologia e la Chirurgia Parodontale sono forme di intervento chirurgico orale.